È un buon momento per acquistare Bitcoin? A giudicare almeno da questo indicatore tecnico

Secondo una metrica popolare, la Bitcoin è scesa di nuovo in una „zona di acquisto“. Storicamente, è stato un punto interessante per gli investitori per accumulare come un’impennata dei prezzi ha seguito nella maggior parte delle occasioni.

L’indicatore PM di Bitcoin scende a 0,5

Il Puell Multiple è una metrica calcolata dividendo il valore di emissione giornaliera dei Bitcoin Billionaire in USD per la media mobile a 365 giorni del valore di emissione giornaliera. L’emissione giornaliera è il numero di monete appena coniate che i minatori aggiungono all’ecosistema dopo averle ricevute come ricompensa in blocco.

Naturalmente, l’emissione giornaliera è cambiata significativamente dopo il terzo dimezzamento dell’11 maggio 2020.

La società di crittoanalisi valutaria Glassnode valuta il multiplo Puell in un sistema di classificazione. Si parte da un minimo di 0,1, che indica uno stato sottovalutato, e si arriva a un massimo di 10 – il che significa che il bene è sopravvalutato.

Glassnode ha recentemente delineato l’attuale stato sottovalutato di Bitcoin, dato che la metrica è ora scesa al di sotto della linea 0.5. L’azienda ha twittato che „Puell Multiple è scesa di nuovo nella zona verde „buy“ dopo quasi tre settimane“.

Puell Multiple Says Buy Bitcoin

Storicamente, dal 2014 il Bitcoin non è mai stato sotto lo 0,5. Il primo calo significativo è avvenuto nel gennaio 2015. All’epoca, il prezzo di BTC è sceso di oltre il 50% in un mese, passando da un massimo di 320 dollari a un minimo di circa 150 dollari.

L’indicatore è rimasto lì per alcuni mesi, mentre la crittovaluta primaria si stava consolidando. Quando il Bitcoin ha iniziato a salire di prezzo, è seguito il Puell Multiple.

Il secondo tuffo chiaramente visibile è arrivato alla fine del 2018, all’inizio del 2019. Questo nei mesi successivi all’aumento parabolico dei prezzi, e il Bitcoin era in discesa. Solo nel novembre 2018, il prezzo degli asset è sceso da 6.400 a 3.500 dollari.

Ci sono voluti alcuni mesi a BTC, ma alla fine ha iniziato a riprendersi in aprile e maggio 2019, prima di raggiungere il massimo annuale di quasi 14.000 dollari a giugno. Un po‘ come ci si aspettava, anche il Puell Multiple è salito.

La metrica è arrivata di nuovo nella zona verde all’inizio di quest’anno, dopo che l’intero mercato ha sperimentato gli effetti di panico della pandemia COVID-19. Quando BTC ha perso oltre il 50% del suo valore in pochi giorni ed è scesa sotto i 4.000 dollari, la Puell Multiple è entrata nella cosiddetta „buy zone“.

Nella maggior parte dei casi precedenti, quando l’indicatore si trovava nella zona verde, il prezzo della Bitcoin è effettivamente aumentato nei prossimi mesi. Come tale, Glassnode ha concluso che „per gli investitori con orizzonti a lungo termine questi livelli al di sotto della linea 0,5 hanno storicamente segnato ottimi punti di entrata in BTC“.

Vale anche la pena di notare che il Bitcoin si è trovato due volte nello stato „sopravvalutato“ – la prima volta è successo dopo un’impennata mensile alla fine del 2013 da 200 a quasi 1200 dollari. La seconda volta – durante il già citato aumento parabolico dei prezzi, quando l’asset ha raggiunto il suo massimo storico di quasi 20.000 dollari. Dopo ognuna di queste occasioni, c’è stato un grave rifiuto, e il prezzo è crollato.

This entry was posted in Bitcoin. Bookmark the permalink.